Cooperativa di comunita della Maremma Le Vie Societa Cooperativa Impresa Sociale

Via del Sabotino, 22, Grosseto, Toscana, 58100, Italia.

Galleria immagini

Siamo comunità di produttori e fruitori che promuove un’economia sostenibile tramite una fruizione responsabile di prodotti a prezzi equi e accessibili

Supermercato autogestito di prodotti etici e biologici, rigenerazione urbana e territoriale
Comunità Le Vie è un modo accessibile per fare acquisti sostenibili. La nostra vision: “Attivare un’economia alternativa, comunitaria, collaborativa, sostenibile”. La nostra missione è quella di creare una comunità locale di fornitori e fruitori di beni e servizi che, insieme, perseguono i valori della sostenibilità tramite una fruizione responsabile a prezzi equi e accessibili in un emporio di comunità autogestito. Fare la spesa, per fare comunità. L'emporio autogestito come strumento attraverso cui avviamo un processo di transizione sostenibile insieme. Tutti i soci gestiscono collettivamente la comunità apportando un piccolo contributo in tempo, si impegnano nelle scelte d’indirizzo e nelle attività materiali necessarie al funzionamento del progetto. L’autogestione collettiva permette ai soci di acquistare a prezzi equi. L'emporio è il centro della nostra missione e della nostra logistica. Qui avvengono tutte le relazioni umane e avvengono gli scambi dei prodotti, i momenti conviviali, formativi e laboratoriali. Le spese possono essere fatte: - in emporio da persone giuridiche e fisiche, principalmente socie con riserva per quelle in prova. Le attività sono svolte in modalità autogestita e volontaria, con la supervisione del referente commerciale. - a domicilio. Grazie al nostro ecommerce, è possibile ordinare e ricevere a domicilio le spese tramite furgone ibrido (fuori città) e cargo bike (in città). I prodotti freschi vengono consegnati al massimo il giorno prima della consegna per garantire freschezza. Consegnando fuori città riusciamo a offrire un servizio importante per supportare lo sviluppo di un’economia collaborativa anche extra-cittadina. I prodotti prossimi al deperimento vengono donati all'emporio solidale in collaborazione con altri ETS L'emporio Le Vie dell'orto rappresenta il primo progetto della cooperativa che vuole sperimentare altre iniziative per la sostenibilità. L'emporio coinvolge almeno 4 figure lavorative nei 4 gruppi di lavoro che coordinano la cooperativa. Abbiamo creato una solida rete intorno a noi di ETS, istituzioni e aziende, soprattutto per scuole e ristorazione, perché siamo un riferimento per la sostenibilità e il cibo, e un esempio per altre realtà locali Crediamo che questo sia il momento giusto per poter lanciare il progetto, ma soprattutto sia necessario: il mondo si sta mobilitando verso un modello più sostenibile soprattutto dal 2015, con l’adozione degli SDGs e a cascata nei vari paesi. Parallelamente, il bisogno di un consumo critico e di fare comunità ha spinto la nascita di percorsi alternativi locali a tutela della qualità dei prodotti, abbandonando il concetto di consumo fine a se stesso. Con il nostro progetto vogliamo tutelare la Maremma, creando una comunità autentica di economia alternativa e sostenibili e con ricadute anche all'esterno della comunità Vogliamo rendere la Maremma un luogo più sostenibile che valorizzi gli abitanti e il territorio. Vogliamo nel nostro piccolo compiere dei gesti e adottare dei comportamenti etici e virtuosi per migliorare il luogo intorno a noi. Vogliamo farlo come comunità per avere un impatto maggiore che come singoli individui. La comunità per noi è l'insieme di soggetti che condividono una relazione di appartenenza e reciprocità e che nel fare insieme coproduce valore. Ogni singolo ha un effetto moltiplicatore perché crediamo che nessuno debba mai valere "0" annullando quindi il risultato finale della comunità. Vogliamo farlo rispondendo al bisogno di fare socialità dopo la pandemia e scoprendo il valore di lavorare insieme in una terra complessa che per scarsità di scambi dovuti alla morfologia e alla cultura, le innovazioni e i trend arrivano in ritardo. Crediamo che il modello cooperativo sia quello più adatto per portare avanti il nostro progetto in uno spirito comunitario, egualitario, equo, solidale, indipendente ed autonomo. La tipologia di cooperativa di comunità è l’alternativa migliore per poter rispettare ed esprimere i nostri pilastri fondamentali e concretizzare l’idea, stimolando innovazione sociale e produrre vantaggi a favore dei soci con ricadute nella comunità intorno a noi. In questo contesto, perseguiamo obiettivi volti a valorizzare il capitale umano incidendo sulla qualità della vita ambientale, sociale ed economica della comunità e del territorio di riferimento Rispondere al bisogno di generare sul territorio maremmano un modello alternativo di economia e risolvere al contempo l’esigenza di valorizzare i produttori locali, permettendo ai cittadini di godere dei prodotti della propria terra a prezzi equi e accessibili. Con il crescere dell’iniziativa e con un coinvolgimento sempre maggiore di persone, sono emerse anche altre esigenze a cui rispondiamo tramite il nostro progetto: - appartenere a una rete sociale ed economica alternativa; - avere dei prodotti sani e di qualità, conoscendone la provenienza; - incentivare un’agricoltura che sottende passione e impegno partendo dai piccoli coltivatori; - comprare a prezzi accessibili; - incentivare il commercio locale e sostenibile; - facilitare i processi d’acquisto rispetto ai GAS; - promuovere il territorio maremmano. La commistione di questi elementi ha fatto emergere sempre più un'opportunità di sviluppo per il nostro territorio e noi come cooperativa vogliamo intercettarli offrendo un'alternativa sostenibile allo stato attuale. A differenza di altre realtà rappresentiamo con trasparenza e genuinità un'esperienza di acquisto diversa e accessibile il che ci rende più resilienti e ricercati rispetto al contesto in cui viviamo caratterizzato da una cultura molto particolare a livello territoriale e a ridosso di una delle più grandi crisi sanitarie ed economiche degli ultimi decenni. L’innovazione del progetto si trova nell’adozione del modello Food Coop nato a Brooklyn, New York nel 1973, si è poi replicato in Belgio e in Francia. In Italia, è arrivato pochi anni fa a, Bologna, poi Cagliari, Ravenna e Parma e dopo di noi Berlino (DE) e Trento. Vogliamo adattare il modello alla Maremma. L'originalità sta nel trasformare il modello da una prospettiva metropolitana, a una provinciale per unire le persone di un territorio che condivide valori, cultura, tradizioni. L’approccio dal basso fa sì che il nostro progetto si possa integrare nel contesto territoriale, adattandosi alle caratteristiche e alle differenze di ogni luogo. Per questo, è scalabile e innovativo, basandosi su una struttura comune e attività flessibili adattate alle diverse esigenze delle comunità. Estendiamo il concetto di cooperativa di comunità, riconoscendo in questo modello la possibilità di rispettare il nostro spirito comunitario, egualitario, equo, solidale, indipendente ed autonomo. I modelli classici non ci permettono di mettere in pratica la nostra mission, non considerando l'opportunità di raggiungere scopi comuni di fornitori e fruitori da sempre considerati contrastanti. A differenza dei GAS, i soci non si limitano all'acquisto, ma in maniera volontaria partecipano alla realizzazione del progetto, mettendo a disposizione il loro tempo per varie mansioni e partecipando alle decisioni strategiche per creare una comunità consapevole in grado di incidere sulla sostenibilità Crediamo fortemente nella sostenibilità, che è il nostro obiettivo, ma soprattutto il nostro approccio imprenditoriale. I nostri KPI ruotano tutti intorno alla transizione verso uno sviluppo sostenibile del territorio. Per questo i KPIs sono collegati ad alcuni specifici target degli SDGs. Nello specifico ci impegniamo a rispettare i goal 1, 2, 4, 8, 10, 11, 12, 17. Tra questi crediamo che i più importanti siano il 2, l'8 e il 12. 2: assicuriamo l’accesso a un’alimentazione sicura, nutriente, biodiversa e sufficiente per tutto l'anno, a prezzi accessibili, senza distinzioni. Sosteniamo sistemi di produzione alimentare sostenibili, approvvigionandoci e sostenendo piccoli produttori che adottando pratiche agricole resilienti e che tutelano il nostro ecosistema. 8: supportando le piccole realtà diamo vita a un circolo per la creazione di lavoro dignitoso, l'imprenditorialità, la creatività e l'innovazione e aumentare lo sviluppo economico pro-capite. Grazie alla stretta collaborazione riusciamo a promuovere i prodotti locali e mantenere un alto livello di efficienza delle risorse riducendo sprechi. 12: garantiamo una trasparenza informativa sulle caratteristiche dei prodotti, provenienza, tracciabilità e prezzi in modo che da consumatori possiamo diventare "fruitori" consapevoli adottando stili di vita sostenibili. Tagliando la filiera riduciamo sprechi e avviamo processi virtuosi di recupero degli imballaggi (vuoto a rendere)

Dati azienda