OrthoDigital srl

Via Monte Grappa, 73, Domodossola, Piemonte, 28845, Italia.

Galleria immagini

Il Progetto mira allo sviluppo di un sistema di telemedicina per l’odontoiatria pubblica infantile che ne consenta la fruizione nelle aree interne e montane.

Sviluppo di sistemi di telemedicina per l'odontoiatria pubblica
Progetto OrthoDigital si propone di sviluppare un protocollo tecnico di servizio -scalabile e replicabile- atto a consentire alle Asl operanti in aree interne e montane di erogare i servizi di odontoiatria di comunità previsti dai livelli essenziali di assistenza per la popolazione in età evolutiva (0-14 anni), fornendo servizi digitali a supporto di prevenzione, diagnosi e terapia in ambito ortognatodontico ambulatoriale attraverso una piattaforma tecnica, logistica, strumentale ed organizzativa atta a supportarle nell'avviamento e nella gestione di programmi di monitoraggio della carie e delle malocclusioni e nella correzione delle patologie ortognatodontiche a maggior rischio, fornendo un servizio di raccolta e analisi dei dati digitali (impronta delle arcate dentarie e rilevazione della carie) ottenuti tramite scansioni ottiche intraorali effettuabili dall'Infermiere di Comunità presso le Case di Comunità, le Farmacie rurali, gli ambulatori territoriali o presso il domicilio stesso del Paziente; i dati così ottenuti, una volta analizzati dal centro-servizi confluiscono in un report digitale, assimilabile al fascicolo sanitario elettronico, che viene messo contemporaneamente a disposizione del medico, che se ne avvale per redigere il piano di trattamento, del laboratorio odontotecnico che dovrà progettare e realizzare -ove richiesto dal Medico- il dispositivo ortodontico, e del Paziente, che in tal modo verrà dettagliatamente informato sulla propria condizione clinica, presentandosi all’attenzione del Medico Odontoiatra dell’ASL solo quando entrambi saranno in possesso del report digitale che ne certifica la condizione IOTN (e quindi il diritto alle cure) e ne fornisce i dati rilevati e condivisi, permettendo a Medico e Paziente di concordare le modalità soggettive del piano di trattamento. L’adozione del protocollo elimina (per le Asl) tutte le sedute ambulatoriali oggi necessarie per il rilevamento delle impronte (operazione che in caso di trattamento va ripetuto più volte), così come buona parte delle visite di controllo, consentendo al medico specialista di dedicare le proprie ore disponibili alle effettive cure, alle ASL di ottimizzare i tempi di utilizzo e fruizione della struttura pubblica ed al Paziente di evitare lunghe trasferte con i genitori. Il Protocollo mira alla semplificazione delle procedure e all'utilizzo razionale delle risorse umane, strumentali e materiali, alla sostenibilità del sistema pubblico e intende fornire, attraverso l’individuazione dei requisiti strutturali, strumentali ed organizzativi, indirizzi unitari utili a garantire il supporto tecnico necessario all’erogazione del servizio Pubblico. Un modello di odontoiatria di comunità scalabile e sostenibile, in grado di realizzare in dettaglio e con efficacia quanto previsto dai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, riducendo al contempo le disparità esistenti tra i grossi centri urbani -ove tali servizi vengono facilmente erogati- e le zone geograficamente svantaggiate del territorio.

Dati azienda